questionario
ITENFR
 
 
 
Home » Visita il Parco » News e Newsletter

Oggi a Genova, presentazione della Guida ai sapori e ai piaceri della Liguria 2018 di Repubblica

La Sala della Trasparenza di Genova ospiterà la presentazione della Guida ai sapori e ai piaceri della Liguria 2018 di Repubblica. Ampio focus sulle Cinque Terre

(Genova , 13 Ottobre 2017) -

 

 

La seconda edizione della Guida ai Sapori e ai Piaceri della Liguria racconta i tanti e diversi volti della regione, attraverso la sua cucina e la sua cultura, ma anche la musica, gli eventi, la tradizione e le immancabili novità. Parlare di Liguria al singolare, forse, non è più corretto. Non basta per racchiudere sotto un unico ombrello la varietà di paesaggi e storie, di accenti, eccellenze e bellezze che questa regione sa offrire in uno stretto braccio di terra piegato tra mare e colline.

Proprio per questo motivo, la Guida ha affidato a un Virgilio d'eccezione il compito di accompagnare i lettori alla scoperta delle eccellenze liguri. È Gino Paoli il testimonial protagonista di un racconto in apertura del volume; in una lunga intervista introduttiva, Paoli racconta la sua Genova, "come una bellissima donna, addobbata in maniera tale da non farti intuire cosa ci sia sotto" tra ricordi di infanzia e aneddoti di una vita tra canzoni, amori, poesia ma anche sapori e profumi di una città e di una terra che non ha mai smesso di amare. "Quando ero ragazzo avevo preso una mappa della città, l'avevo divisa con una grata, e ogni giorno percorrevo quel pezzo che avevo segnato. Così l'ho vista tutta, e posso dire quante bellezze ci sono, tutte nascoste" racconta, tra le pagine, il cantautore.

Ma non solo, perché oltre al racconto di Gino Paoli, all'interno della Guida si trovano altri 9 itinerari d'autore, che vedono protagonisti personaggi della musica, dello sport e dello spettacolo legati alla Liguria, da Antonella Ruggiero a Cristiano De André, da Ugo Dighero a Angelo Palombo, da Tullio Solenghi a Maurizio Lastrico, fino a Vittorio De Scalzi, Antonio Ricci e Francesco Baccini: ognuno di loro ha svelato i suoi indirizzi del cuore, dove fare colazione o comprare la migliore focaccia, dove pranzare o godersi una cena romantica o tra gli amici, ma anche i luoghi dove amano passare un po' di tempo da soli, magari davanti un tramonto o su una barca, a pescare. 

La Guida ai sapori e ai piaceri della Liguria di Repubblica racconta inoltre una regione ricca di bellezze e di bontà, segnalando 483 ristoranti tra Genova, Imperia, Savona e La Spezia, e ancora 154 botteghe del gusto, circa 200 tra agriturismi e b&b, 56 produttori di vino. E, tra le tante novità di questa edizione anche 71 dimore di charme: luoghi incantati dove soggiornare, dagli hotel più eleganti alle piccole realtà con una storia da raccontare o un panorama unico da godere.

Un altro importante focus di questa edizione è costituito dalle Cinque Terre, protagoniste di una sezione che racconta queste meraviglie liguri amate nel mondo, che non smettono di stupire un pubblico sempre più internazionale con paesaggi in bilico tra mare, terra e cielo, come le eccellenze che qui continuano a essere prodotte grazie all'eroico lavoro di coltivatori, vignaioli, ma anche ristoratori, fornai, pescatori, dei quali la Guida raccoglie le storie.

Ma la Liguria è anche e soprattutto terra di confine, a cavallo tra Francia e Italia, e con cinque itinerari dedicati, la Guida conduce il lettore alla scoperta di territori così vicini e simili, percorrendone le strade che portano ai colori della Camargue o ai sapori della Provenza, passando attraverso i profumi di Grasse e Mentone, gli inseguimenti cinematografici sulle Corniche e Montecarlo, fino alle croisette di Cannes e le ostricherie e i mercati di Nizza.

"È un'innovazione, ma che ben si adatta ad una terra abituata a sperimentare, a conquistare, ad allargare i propri confini" spiega il direttore delle Guide di Repubblica Giuseppe Cerasa nella sua introduzione al volume.

E riprendendo il filo della musica, che ha visto in Genova una delle "scuole" cantautoriali più influenti e poetiche di sempre, una nuova sezione è dedicata ai Festival più interessanti della regione.

Tornando su un'altra grande eccellenza, quella culinaria, la Guida ha chiesto a 10 lettori di mettersi ai fornelli e svelare una ricetta tipica della tradizione regionale: nascono così i piatti della memoria raccontati e preparati appositamente per questa nuova edizione. E non mancano anche le ricette degli chef, tra 40 ristoranti liguri, dagli stellati alle osterie più veraci, dalle giovani promesse ai veterani dei fornelli. E se, durante i racconti dei nostri artisti o il procedimento della cottura di un piatto, qualche termine non dovesse essere chiaro, a chiosa della Guida c'è un breve dizionario culinario del dialetto ligure: un piccolo omaggio a una vera e propria lingua che spesso può cambiare anche da un quartiere a un altro.

foto della notizia
 
share-stampashare-mailshare-twittershare-facebookQR Code