Nel Parco in sicurezza
Indossa sempre la mascherina, rispetta il distanziamento e adotta le misure di autoprotezione per il contenimento dell'epidemia da virus Covid-19, come previsto dall'Ordinanza del Presidente della Regione nr. 56 del 05/09/2020
Rispetta sempre la natura, smaltisci la mascherina e i dispositivi di protezione individuale, nella raccolta indifferenziata. La loro dispersione nell'ambiente rappresenta una grave minaccia per gli ecosistemi.
Logo del Parco
Condividi
Home » Visita il Parco » Sentieri e outdoor

592-4 (SVA2) Vernazza - Monterosso

A piedi         Elevato interesse: flora Elevato interesse: panorama Elevato interesse: religione Elevato interesse: storia 
  • Tempo di andata:  2 ore
  • Tempo di ritorno: 2 ore 15 minuti
  • Difficoltà: EE - Per escursionisti esperti
  • Lunghezza: 3.668 km
  • Dislivello: 217 m

Il sentiero (SVA2) parte dall'incantevole porticciolo di Vernazza e dalla piazza antistante (Street View 1), dominati dalla Chiesa di Santa Margherita di Antiochia risalente al secolo XIV  sulla sinistra e dal castello Doria sulla destra ().

Risalendo il borgo lungo la via principale si imbocca il sentiero verso Monterosso attraverso un tipico carruggio (2) percorrendo diversi scalini fino ad arrivare a sovrastare la chiesa e l'abitato (3).


(foto di: Parco Nazionale delle Cinque Terre)
 

   Scarica KMZ
Turistico, Escursionistico, Esperto, Chiuso
 

 Il percorso prosegue su alcune scalinate in pietra, poi diventa in terra battuta inerpicandosi ripido lungo la costa, in alcuni tratti stretto ed esposto. Si prosegue superando un ponticello sul Rio Riolo, dopo il quale si sale una ripida mulattiera che fa guadagnare velocemente quota e panorama; la salita termina nella piazzola panoramica tra gli ulivi di Costa Mesorano (Q 150 mslm) (4), dove si trova il capolinea di uno dei tanti trenini monorotaia che percorrono i campi coltivati nel territorio del Parco Nazionale delle Cinque Terre.

Proseguendo attraverso una serie di frequenti saliscendi, senza importanti dislivelli, si superano rare zone umide attraversate da fossi e canali ricchi di biodiversità (), in un contesto altrimenti interamente dominato dalla macchia mediterranea (). Una di queste valli è solcata dal canale dell'Acquapendente che più sotto, sulla scogliera, raccoglie le acque del Mulinaro per poi gettarsi in mare attraverso un'alta cascata visibile solo dal mare.

La seconda parte del sentiero, prima di giungere all'abitato di Monterosso, è attraversata da antiche limonaie e vigneti terrazzati dell'azienda agricola Vetua (). Il sentiero comincia a perdere quota attraverso una lunga serie di gradini fiancheggiati da alti muri di pietra a proteggere i vigneti ().  Infine si scende sulla magnifica scogliera di Punta Corone (5)  dalla quale è possibile ammirare il borgo vecchio di Monterosso e il colle di San  Cristoforo, sul quale sorgono il convento dei Cappuccini e la Chiesa di San Francesco ().

Altre info su mappe.parconazionale5terre.it:

Si ricorda che la percorrenza sui tracciati del Parco nazionale delle Cinque Terre dovrà sempre avvenire in condizioni meteo climatiche buone, con calzature adatte e da parte di persone dotate di buona pratica escursionistica.

(foto di: PN Cinque Terre)
 
Vuoi inviare una segnalazione di inaccessibilità di questo sito web?Invia segnalazione
© 2020 Parco Nazionale delle Cinque Terre
Via Discovolo snc - c/o Stazione Manarola
19017 Riomaggiore (SP) - CF 01094790118
Tel. 0187/762600 - Fax 0187/760040
E-mail: info@parconazionale5terre.it
PEC: pec@pec.parconazionale5terre.it
DNVEMAS
Seguici su: