logoparco
Salta la coda, acquista la Cinque Terre Card online
card.parconazionale5terre.it
5terrecard
chiudi
Logo del Parco
Condividi
Home » Visita il Parco » News e Newsletter

OTP - Orizzonte Terzo Paradiso

Vernazza-Corniglia (La Spezia), varie location 25 giugno-31 dicembre 2024

(Corniglia, 26 Giugno 2024)

OTP è reso possibile grazie al fondo a sostegno delle piccole e medie città d’arte e dei borghi, contributo assegnato nel 2022 al Comune di Vernazza da parte del Ministero dell’Interno - Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali - Direzione Centrale per la Finanza Locale.

OTP è co-organizzato da Ilaria Bernardi (curatrice del progetto), Carlo Bonini e Luca Ciotoli per Smarturista Cooperativa di Comunità, Gianni Moggia per ProLoco di Vernazza, Gianpaolo Barrani per ProLoco Corniglia, Francesca Guelfi per Uniti per Corniglia.

3 mostre + 1 public program, diffusi tra Vernazza e Corniglia, per riattivare il legame dell’Arte povera con la Regione Liguria e scoprire le “parole-chiave” implicite a quella ricerca artistica, così attuali nel presente e cruciali per il futuro

OTP è un progetto interdisciplinare, curato da Ilaria Bernardi, costituito da tre mostre e un public program, pensato per ricordare il profondo legame della Regione Liguria, e in particolare il meno noto legame delle Cinque Terre, con la ricerca artistica italiana del secondo dopoguerra più nota internazionalmente: l’Arte povera.

Le connessioni tra l’Arte povera e la Liguria sono molteplici, a partire dal suo teorizzatore, Germano Celant, nato a Genova nel 1940 dove visse e lavorò fino al 2000 per poi trasferirsi a Milano. La sua casa genovese, in Salita Oregina, nel giugno 1970 divenne la sede dell’Information Documentation Archives (IDA), suddiviso nelle sezioni di Arte povera, Arte concettuale e Land Art.

Oltre a Celant come curatore, l’IDA coinvolse come redattrice l’altrettanto genovese Ida Gianelli, che dapprima, tra il 1975 e il 1981 con la sua Samangallery in Vico Parmigiani 1 r. a Genova, e poi, dal 1990 al 2008 nel ruolo di direttrice del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, svolse un ruolo fondamentale per il sostegno e la promozione dei più importanti artisti italiani e internazionali, tra cui quelli dell’Arte povera.

La prima mostra in cui compare il nome “Arte povera” fu Arte povera-Im Spazio, organizzata da Celant proprio a Genova presso la Galleria Bertesca dal 27 settembre 1967: vi parteciparono Alighiero Boetti, Luciano Fabro, Jannis Kounellis, Giulio Paolini, Emilio Prini, dei quali gli ultimi due genovesi di nascita.

È ligure anche un altro critico e storico dell’arte, sostenitore fin da subito degli artisti dell’Arte povera, Tommaso Trini (Sanremo, 1938).
Se concentriamo poi l’attenzione sulle Cinque Terre, scopriamo che nel 1965 Alighiero Boetti acquistò una casa a San Bernardino, tra Vernazza e Corniglia, che frequentò fino agli inizi degli anni Ottanta, mentre Michelangelo Pistoletto scoprì Vernazza nel 1965 e lì, nel 1968, mise in scena il primo spettacolo dello Zoo, L’Uomo ammaestrato, e acquistò una casa a Corniglia dove fino al 1981 tenne ulteriori spettacoli dello Zoo in collaborazione con gli abitanti.

OTP fornisce l’opportunità di sottolineare questo profondo legame tra la Liguria e l’Arte povera, proponendo un progetto non solo artistico ma interdisciplinare; non solo legato al ricordo di ciò che è stato, ma soprattutto volto a scoprire le sue principali “parole- chiave”, così attuali nel presente e cruciali per il futuro. Non “guardare” ma “traguardare” l’Arte povera è il principale scopo di OTP.

Da qui nasce il suo titolo che ha come significato principale Orizzonte Terzo Paradiso, di cui costituisce l’acronimo. Il Terzo Paradiso è una riformulazione del segno matematico dell’infinito da parte di Michelangelo Pistoletto (ancora oggi assiduo frequentatore di Corniglia) attraverso l’aggiunta di un cerchio centrale: se i due cerchi dell’infinito reinviano ai due mondi opposti, quello della natura e quello dell’artificio, aggiungendovi un anello centrale, è possibile delineare una terza via, quella della rinascita generata dalla messa in dialogo generativo dei due mondi opposti. OTP si propone di guardare verso l’orizzonte (il futuro) per raggiungere il medesimo traguardo di rinascita nel territorio dove si svolge. Per farlo, sovrappone il disegno del Terzo Paradiso alla mappa del Comune di Vernazza rintracciando in essa gli 8 luoghi che, per posizione geografica, cadono nei punti nevralgici di quel simbolo, e organizza un evento in ciascuno di essi capace di creare comunità attorno all’approfondimento di “parole-chiave” implicite all’Arte povera e oggi cruciali per la costruzione del futuro.

In quegli 8 luoghi, infatti, si svilupperà il public program, dal 25 giugno al 8 settembre 2024, un percorso di avvicinamento interdisciplinare al programma espositivo che invece troverà sviluppo dal 17 settembre al 31 dicembre. L’inizio del public program, il 25 giugno, è sancito da un talk di Michelangelo Pistoletto che in quel giorno festeggia il suo 91esimo compleanno. Ciascuno degli 8 appuntamenti è pensato per essere associato a una “parola- chiave” implicita all’Arte povera; rispettivamente: Origine, Natura, Partecipazione, Essere, Memoria, Spazio, Azione, Tempo. Da qui il secondo significato di OTP, che è al contempo l’acronimo di One Time Password, ossia “password valida una sola volta”, così come ciascuna delle 8 parole-chiave è utilizzabile soltanto per il singolo evento a cui essa è associata.

Il programma espositivo, parte fondamentale di OTP, prevede 3 mostre, visitabili dal 17 settembre al 31 dicembre 2024: una mostra su Alighiero Boetti nella Chiesa di San Francesco a Vernazza, una mostra documentaria sull’Arte povera presso il Castello Doria a Vernazza, e una mostra diffusa sul territorio tra Vernazza e Corniglia costituita da 6 interventi site-specific di 4 artisti italiani delle generazioni successive all’Arte povera – Stefano Arienti, Marinella Senatore e i Vedovamazzei – che definiscono Boetti e Pistoletto i loro maestri.

1) Martedì 25 giugno 2024, dalle ore 19.00
Di fronte all’Oratorio dei Disciplinati di Santa Caterina, Coniglia Michelangelo 91

Intervista di Ilaria Bernardi a Michelangelo Pistoletto sul libro La formula della creazione. Alle ore 20.00, sul Fosso dietro l’Oratorio, svelamento del manifesto raffigurante una fotografia del fotografo Paolo Pellion relativa a uno spettacolo dello Zoo di Pistoletto svoltosi davanti all’Oratorio nel 1969.
A seguire, Concerto fetido su quattro zampe di e con Alice e Davide Sinigaglia, produzione SCARTI Centro di Produzione Teatrale d’Innovazione, che presenta punti in comune con le azioni dello Zoo.

Parola-chiave: Origine ___________________________________________________________________________

2) Lunedì 1 luglio 2024, ore 19.30 Tre Croci, Corniglia
Anni ’60: Musica aperta!

Concerto al tramonto degli Impressive Ensamble dedicato alla musica d’avanguardia degli anni Sessanta, con composizioni informali di Sylvano Bussotti, Cornelius Cardew e altri.

Parola-chiave: Natura ___________________________________________________________________________

3) Martedì 9 luglio 2024, ore 19.00
Prevo, Corniglia
Un mondo nuovo, una speranza appena nata

Conversazione tra Anna Costantini e Giorgio Pagano sul contesto storico e artistico in Liguria nella seconda metà degli anni Sessanta.

Parola-chiave: Partecipazione ___________________________________________________________________________

4) Lunedì 15 luglio 2024, ore 19.00
Sentiero azzurro (presso il Terzo Paradiso di Ittiturismo SP4488) Ciò che non siamo

Recital musicale sulle poesie di Eugenio Montale (nato a Genova nel 1896 e profondamente legato a Monterosso) con Jonathan Lazzini (voce) e Manuel Apice (voce e musica), produzione SCARTI Centro di Produzione Teatrale d’Innovazione.

Parola-chiave: Essere ___________________________________________________________________________

5) Giovedì 25 luglio 2024, ore 19 Piazza Gente di Mare, Vernazza Alighiero Boetti. Shaman Showman

Conversazione tra Stefano Bartezzaghi e Gianni Viacava sul tema del gioco in Alighero Boetti.

Parola-chiave: Memoria ___________________________________________________________________________

6) Sabato 3 agosto 2024, ore 6.00
Santuario di Nostra Signora di Reggio, Vernazza Concerto all’alba

Concerto di Federica Inzoli (oboe), Alessio Pisani (fagotto) e Danilo Zauli (clarinetto) dedicato al tema del mare, con musica francese post impressionista (Ibert, Tansmann, Milò, e altri) e con un brano scritto dal compositore Carlo Galante.

Parola-chiave: Spazio ___________________________________________________________________________

7) Giovedì 29 agosto 2024, ore 19.00
Castello Doria, Vernazza
Sassi. Cut up di parole scritte da Alighiero Boetti

Performance di Luciano Chessa e Jacopo Benassi ispirata al gioco della Morra e da testi di Alighiero Boetti, pestano parole mono e bisillabiche l’una contro l’altra, cercando dalla collisione un’incandescenza capace di coniare neologismi di fusione.

Parola-chiave: Azione ___________________________________________________________________________

8) Domenica 8 settembre 2024, ore 19.00 Santuario di San Bernardino Challenge for change

Conversazione tra Gabriele Paglione e Stefano Arienti attorno al tema del cambiamento all’interno del loro lavoro.

Parola-chiave: Tempo ___________________________________________________________________________

Il public program si concluderà martedì 17 settembre alle ore 12.00 al Palazzo del Comune di Vernazza con la conferenza stampa relativa al programma espositivo.

___________________________________________________________________________

Allegati
OTP - Orizzonte Terzo Paradiso
OTP - Orizzonte Terzo Paradiso
 
Vuoi inviare una segnalazione di inaccessibilità di questo sito web?Invia segnalazione
© 2024 Parco Nazionale delle Cinque Terre
Via Discovolo snc - c/o Stazione Manarola
19017 Riomaggiore (SP) - CF 01094790118
Tel. 0187/762600 - Fax 0187/760040
E-mail: info@parconazionale5terre.it
PEC: pec@pec.parconazionale5terre.it
DNVEMASPagoPA
Seguici su: