questionario
ITENFR
 
 
 
Home » Ente Parco » Attività dell'Ente » Programmazione Europea

GIREPAM

''Gestione Integrata delle Reti Ecologiche attraverso i Parchi e le Aree Marine''- Programma Interreg V-A Marittimo Italia Francia 2014 - 2020

Sintesi del progetto: La sfida comune di GIREPAM è migliorare e innovare la governance e la gestione delle aree marino costiere da parte di Regioni eGestori di aree protette in una visione d'insieme dei territori, per contribuire ad arrestare la perdita di biodiversità e il degrado deiservizi ecosistemici e aderire ad una prospettiva europea di sviluppo economico "green & blue". L'obiettivo èquindi elaborare una strategia transfrontaliera condivisa di gestione integrata delle reti ecologiche marino-costiere, ideata e attuatadalle Regioni in rete con Parchi e Aree Marine Protette per sviluppare soluzioni comuni ai problemi più pressanti dell'area dicooperazione (utilizzo eccessivo delle risorse, inquinamento frequentazione, conflitti sociali). Il risultato sarà il miglioramentodell'efficacia nella gestione delle aree protette dello spazio marino costiero, e la creazione di condizioni favorevoli alla tutela evalorizzazione degli ambiti naturali. Il progetto si propone di: Realizzare Piani di Azione per habitat e specie d'interesse comune eModelli di pianificazione integrata e regolamentazione di aree protette e siti N2000 (Piani di gestione integrati); Mappare e valutarei servizi ecosistemici; Attuare sistemi di contabilità ambientale, individuare green & blue jobs, migliorare lafruizione sostenibile. Beneficiari saranno: Enti pubblici, Parchi e Aree Marine Protette, turisti e popolazione, operatori economici.
L'approccio comune è necessario per superare la settorializzazione delle azioni attuate dai vari soggetti responsabili dellagestione/sviluppo dello spazio marino-costiero che, solo se riportate all'interno di una logica di sistema possono realmente essereefficaci. Il progetto risulta innovativo poiché, partendo da analisi di tipo scientifico, vuole dimostrare il valore aggiunto che, anchein termini economici, le aree naturali danno ai territori in essi ricompresi, delineando allo stesso tempo ulteriori opportunità disviluppo nel campo dei blue e green jobs.

Capofila: Regione Sardegna

Partner
Liguria: Regione Liguria, AMP Cinque Terre, AMP Portofino, Parco Naturale regionale Montemarcello Magra Sardegna: Parco Nazionale dell'Asinara - AMP "Isola dell'Asinara", AMP  Tavolara - Punta Coda Cavallo.
Toscana: AMP Secche della Meloria, Parco Nazionale Arcipelago Toscano.
Corsica: Office de l'environnement de la Corse, Parc naturel Régional de Corse - Réserve de Scandola, Université de Corse, Fondazione IMC Centro Marino Internazionale Onlus.
Dipartimento del VAR: Conservatoire du littoral, Parc national de Port-Cros, Conseil Departemental Des Alpes-Maritimes.

Durata: 3 anni (1 gennaio 2017 -1 gennaio 2020)

Budget Totale iniziale del progetto: € 5.687.604,31

Budget AMP Cinque Terre: € 346.667,50.

Azioni previste: Mappatura coralligeno e grotte presenti nell'AMP emonitoraggio della fauna ittica associata al coralligeno per la definizione del Piano d'Azione degli abienti sottomarini, Studio della Capacità di carico (impatti su coralligeno), Piano di gestione integrato SIC/ Regolamento di Esecuzione ed Organizzazione AMP,  Realizzazione di percorsi di educazione ambientale sulla conoscenza dei SIC costieri e sulla loro gestione sostenibile, Realizzazione di un'app per la fruizione dell'AMP. Azioni pilota: rimozione attrezzi da pesca e diminuzione delle pressioni (abbandono di rifiuti) sull'habitat, creazione di percorsi subacquei, Blue jobs: migliorare l'accessibilità e la fruizione dei campi ormeggio posizionati nell'AMP, attraverso rilascio di autorizzazioni on-line e servizio assistenza all'ormeggio/richiesta autorizzazione direttamente da mare, Estensione del marchio 5 terre promuiovendolo alle imprese che operano sul mare

Stato del progetto: avviato.
 
share-stampashare-mailshare-twittershare-facebookQR Code