questionario
 
 
 
Home » Natura e territorio » Parco Nazionale

Turismo sostenibile e Carta Europea Turismo Sostenibile (CETS)

La promozione dello sviluppo turistico rispettoso dei valori ambientali e naturalistici

Europarc ha riconosciuto a dicembre 2015 l'inserimento dell'Ente Parco Nazionale delle Cinque Terre nella rete dei Parchi che hanno ottenuto la Carta Europea del Turismo Sostenibile nelle Aree Protette 

La parola chiave è sviluppo sostenibile. Le risorse devono essere gestite in modo che le esigenze economiche, sociali ed estetiche, possono essere soddisfatte mantenendo l'integrità culturale, i processi ecologici essenziali, la diversità biologica e i sistemi di vita nell'area in questione (sviluppo delle attività economiche, condivisione delle conoscenze e degli obiettivi tra tutti i cittadini e loro trasmissione alle generazioni future).
La consapevolezza che il territorio delle Cinque Terre rappresenta un'inestimabile risorsa spinge le amministrazioni ad attuare politiche di sostegno a un tessuto sociale di microimprenditori, per promuovere una più equa ripartizione delle ricchezze e per offrire alle giovani generazioni la possibilità di essere protagonisti nei loro paesi, senza essere costretti a lasciare il loro territorio che risentirebbe gravemente di questo abbandono.

Il Parco ha difatti individuato nella CETS uno strumento efficace per consolidare una strategia partecipata di turismo sostenibile, favorendo un'offerta innovativa e di qualità capace di valorizzare la cultura locale e di riscoprire il processo identitario della popolazione residente, valorizzando e tutelando le risorse naturali e paesaggistiche.

I Principi della Carta

La CETS è basata su 10 principi, che tutti i partecipanti al processo della Carta sottoscrivono e che ispirano tutte le azioni della Carta.

  1. Lavorare in Partnership: coinvolgere tutti coloro che sono implicati nel settore turistico dell'area protetta, per il suo sviluppo e la sua gestione
  2. Elaborare una Strategia: predisporre e rendere effettiva una strategia per il turismo sostenibile ed un piano d'azione per l'area protetta con la responsabilità di tutti gli attori coinvolti
  3. Tutelare e migliorare il patrimonio naturale e culturale: proteggere le risorse da un turismo sconsiderato e ad alto impatto
  4. Qualità: garantire ai visitatori un elevato livello di qualità in tutte le fasi della loro visita
  5. Comunicazione: comunicare efficacemente ai visitatori le caratteristiche proprie ed uniche dell'area
  6. Prodotti turistici specifici locali: incoraggiare un turismo legato a specifici prodotti che aiutino a conoscere e scoprire il territorio locale
  7. Migliorare la conoscenza, formazione: potenziare la conoscenza dell'area protetta e dei temi della sostenibilità tra tutti gli attori coinvolti nel settore turistico
  8. Qualità della vita dei residenti: assicurare che il sostegno al turismo non comporti costi per la qualità della vita delle comunità locali residenti
  9. Benefici per l'economia: accrescere i benefici provenienti dal turismo per l'economia locale
  10. Monitoraggio dei flussi, riduzione degli impatti: monitorare i flussi di visitatori indirizzandoli verso una riduzione degli impatti negativi

 

 

 

 
Riceviamo e volentieri pubblichiamo
Giovedì 17 agosto, ore 21.15, presso il santuario sopra a Monterosso si terrà il recital per pianoforte di Andrea Bacchetti. Il concerto sarà...
Giovedì 17 agosto alle ore 21,15 al Molo dei Pescatori di Monterosso l’artista Michelangelo Pistoletto presenta il suo libro “Il Terzo...
 
share-stampashare-mailshare-twittershare-facebookQR Code