Logo del Parco
Condividi
Home » Natura » Parco Nazionale » Biodiversità » Ambiente naturale

I muri di pietra a secco

Il paesaggio delle Cinque Terre è caratterizzato dai terreni agricoli ottenuti modellando a gradoni i versanti, con muri di contenimento del suolo, costruiti a secco con la pietra locale. Pur trattandosi di strutture artificiali, create per trasformare la naturale pendenza del versante in una sequenza di ripiani utili a coltivare la vite, i muri a secco sono costituiti da materiali naturali, terra e roccia, d'origine locale ed ospitano specie vegetali ed animali, che arricchiscono la biodiversità del territorio protetto.
Il muro a secco è un habitat verticale, roccioso, arido, povero di nutrienti, esposto direttamente agli agenti esogeni, soggetto ad elevate escursioni termiche. E' molto selettivo, riguardo la flora e la fauna: le radici devono penetrare tra una pietra e l'altra per ancorare e nutrire le piante con la poca terra intrappolata; fusti e foglie sporgono nel vuoto, esposti alla luce ed alla gravità; gli animali devono arrampicarsi agilmente, per rifugiarsi all'interno di strette fessure e cacciare su superfici verticali; licheni e muschi tappezzano e ricoprono le superfici esterne delle pietre.
Tra le piante più diffuse, riconosciamo l'Ombelico di Venere (Umbilicus rupestris Dandy) e la Falsa liquirizia (Polypodium vulgare L.); l'animale più abituale è la Lucertola, muraiola e campestre.

L'Ombelico di Venere (Umbilicus rupestris Dandy)
E' una pianta appartenente alla famiglia delle Crassulaceae, erbacea, perenne, bulbosa, dalle foglie carnose rotondeggianti e depresse centralmente, da cui deriva il nome. I fiori, poco appariscenti, sono riuniti lungo un fusto, alto almeno una decina di centimetri, che sovrasta le foglie. E' diffusa lungo le coste atlantiche e mediterranee.
(Vai alla Galleria fotografica)

La Falsa liquirizia (Polypodium vulgare L.)
E' una piccola felce perenne della famiglia della Polypodiacae, che deve il nome volgare al sapore dolciastro del rizoma. Vive tra le rupi e le pietre dei muri, dal livello del mare ai 2000 metri di quota. Le fronde, profondamente divise e lunghe qualche decimetro, si dipartono singolarmente da un rizoma strisciante.
(Vai alla Galleria fotografica)
 
La Lucertola muraiola (Podarcis muralis)
E' un rettile della famiglia dei Lacertidae, lungo una ventina di centimetri, di colore grigio-bruno, variabile.
Agile e abile ad arrampicarsi, frequenta terreni rocciosi e muri, trovando rifugio all'interno degli anfratti, dove depone fino a 10 uova due volte all'anno. Si nutre di insetti, ragni e frutta. E' distribuita in tutta Europa, dove coabita con la Lucertola campestre.  

(A cura del Tenente Colonnello Silvia Olivari, Comandante Reparto Carabinieri Parco Nazionale Cinque Terre)

Muro di pietra a secco
Muro di pietra a secco
(foto di: Silvia Olivari)
Muro di pietra a secco
Muro di pietra a secco
(foto di: Silvia Olivari)
Lucertola muraiola (Podarcis muralis)
Lucertola muraiola (Podarcis muralis)
(foto di: Silvia Olivari)
Falsa liquirizia (Polypodium vulgare L.)
Falsa liquirizia (Polypodium vulgare L.)
(foto di: Silvia Olivari)
Ombelico di Venere (Umbilicus rupestris Dandy)
Ombelico di Venere (Umbilicus rupestris Dandy)
(foto di: Silvia Olivari)
© 2020 Parco Nazionale delle Cinque Terre
Via Discovolo snc - c/o Stazione Manarola
19017 Riomaggiore (SP) - CF 01094790118
Tel. 0187/762600 - Fax 0187/760040
E-mail: info@parconazionale5terre.it
PEC: pec@pec.parconazionale5terre.it
DNVEMAS
Seguici su: