Nel Parco in sicurezza
Indossa sempre la mascherina, rispetta il distanziamento e adotta le misure di autoprotezione per il contenimento dell'epidemia da virus Covid-19, come previsto dall'Ordinanza del Presidente della Regione nr. 56 del 05/09/2020
Rispetta sempre la natura, smaltisci la mascherina e i dispositivi di protezione individuale, nella raccolta indifferenziata. La loro dispersione nell'ambiente rappresenta una grave minaccia per gli ecosistemi.
Logo del Parco
Condividi
Home » Natura » Parco Nazionale » Biodiversità

Gli ambienti naturali del Parco Nazionale delle Cinque Terre

Il territorio del Parco Nazionale delle Cinque Terre è montuoso e prevalentemente costiero: solo 300 ettari ricadono nel bacino montano del fiume Vara e non si affacciano sul mare. I versanti, ripidi e franosi, solcati da brevi rivi e articolati in valli e crinali, si distaccano dallo spartiacque principale alto 815 m e prossimo al mare. Pertanto, in poco meno di 4000 ettari coesistono ambienti naturali diversi, sia mediterranei che montani, con proprie specie animali e vegetali, tali da aumentare notevolmente la biodiversità.
La fascia marittima è caratterizzata da rupi costiere, colonizzate da radi e bassi arbusti, frequentate da rettili e uccelli tipici degli ambienti assolati e rocciosi; più sopra, i versanti sono coperti da macchia mediterranea e da boschi termofili sempreverdi, formati da lecci, sughere, pini marittimi, dove sono diffusi la ghiandaia, i picchi, le cince, lo scoiattolo, il tasso e la volpe.
Lungo il crinale, all'interno delle valli, nei versanti convergenti nella Val di Vara, l'ambiente diventa più fresco e umido, idoneo ai boschi di latifoglie decidue, composti da castagni, carpini, roverelle e cerri, dove nidificano la poiana e l'allocco, si muovono volpe e faina, pascolano i caprioli.
I rivi, i fossi, le acque sorgive creano ambienti acquatici indispensabili per la riproduzione degli anfibi e la crescita di specie vegetali bisognose di ombra ed umidità.
Anche i muri in pietra a secco dei terreni agricoli terrazzati, per quanto costruiti dall'uomo, rappresentano un ambiente circoscritto, costituito da terra e sassi, che ospita comunità animali e vegetali rupicole. 

Ovunque è presente il cinghiale, introdotto nel secolo scorso e diffusosi spontaneamente con il favore dell'ambiente e dell'uomo.

(A cura del Tenente Colonnello Silvia Olivari, Comandante Reparto Carabinieri Parco Nazionale Cinque Terre)

Vuoi inviare una segnalazione di inaccessibilità di questo sito web?Invia segnalazione
© 2020 Parco Nazionale delle Cinque Terre
Via Discovolo snc - c/o Stazione Manarola
19017 Riomaggiore (SP) - CF 01094790118
Tel. 0187/762600 - Fax 0187/760040
E-mail: info@parconazionale5terre.it
PEC: pec@pec.parconazionale5terre.it
DNVEMAS
Seguici su: